La formula dell’attrazione – la recensione

Paola Chiozza torna con una commedia romantica, divertente e super nerd: La formula dell’attrazione.

I romanzi attualmente pubblicati da Paola Chiozza (al di fuori della piattaforma WattPad) sono:

Trama

Venere in acquario? Luna nella terza casa? Rebecca Pennington non crede nelle stelle, ma ci lavora. È ingegnere aerospaziale, risolve il Cubo di Rubik in sette secondi e nella vita ha una sola certezza matematica: odierà in eterno Chase Reeve Goldsmith. Poco importa che lui sia l’uomo più sexy, ricco e intelligente che abbia mai conosciuto, sarà sempre il suo peggior nemico. E non solo: Rebecca si prenderà la sua rivincita, perché l’azienda in cui lavora sta per ottenere un contratto storico con la NASA, battendo il progetto di Chase.
Tutto bellissimo. Peccato che l’accordo vada in fumo all’ultimo minuto.
Per Chase Reeve Goldsmith il cielo non è un limite, ma il punto da cui guardare la Terra. A soli trentaquattro anni è arrivato in alto, in tutti i modi possibili. È il CEO dell’agenzia aerospaziale che si è appena aggiudicata il contratto con la NASA, è miliardario, è un genio irresistibile e – Dio, questo è meraviglioso – ha appena soffiato la vittoria da sotto il naso della sua peggior nemica: Rebecca Pennington. Sarà lui a spedire un razzo su Marte, non la ragazza che al liceo gli ha portato via tutto.
Chase è convinto che sia finita così, ma non ha fatto i conti con Rebecca che, con un piano ben architettato, decide di farsi assumere dalla sua agenzia per riprendersi ciò che lui le ha rubato. Lavorare insieme non sarà facile… sarà un massacro! Chase è abituato a dare ordini e avere persone che li eseguono senza fiatare, peccato che Rebecca non si faccia comandare da nessuno. Lei ha intenzione di essere la sua spina nel fianco, lui di renderle la vita un inferno.
Quando l’attrazione non è più solo una formula fisica, ma passione incontrollata… sarà amore o sarà una guerra stellare?

Recensione

Lo dico subito: credo fermamente che La formula dell’attrazione sia attualmente il miglior romanzo scritto da Paola Chiozza, nonché uno dei migliori che ho letto nell’ultimo anno.

Già con Nessuno mi può giudicare l’autrice aveva portato le sue commedie romantiche su un altro livello, inserendo tematiche e spunti di riflessioni importanti e interessanti. In questo caso ha superato se stessa: il romanzo è divertente, romantico, a tratti geniale. Lo studio e la ricerca sull’astronomia e sulle regole che ne descrivono i comportamenti trasuda da ogni singola pagina senza appesantire la storia ma arricchendola ancora di più.

Ma andiamo per gradi: La formula dell’attrazione è una rom-com, office romance, hate-to-love a doppio POV da manuale. La back story dei protagonisti, resa con alcuni flashback, rende la componente odio-amore assolutamente credibile e stuzzicante proprio perché radicata e dettagliata.

Ho vinto tante battaglie contro Chase Goldsmith, ma non la guerra.
Quella è ancora aperta, e temo non avrà mai fine.
Ovunque io andrò, lui mi seguirà per mettermi i bastoni tra le ruote.

 

Rebecca e Chase sono costruiti davvero bene, con un buon bilanciamento tra pregi e difetti, con caratteri simili ma peculiari, perfetti per innescare scintille nelle loro discussioni e nei loro momenti di passione. I brani e le citazioni scientifiche, ben dosati, sono assolutamente funzionali alla scena e spesso usati come materia del contendere tra i due cervelloni che da sempre sono in competizione sul “chi è più intelligente”. Ma le parti che ho adorato di più sono quelle in cui le formule e gli assiomi diventano dichiarazioni d’amore puro, corteggiamento romantico.

Noi siamo fatti per stare insieme, siamo particelle che collidono e danno vita a una struttura imprescindibile.

Da scienziata e ingegnere ho trovato tutte queste parti deliziose e corrette, tanto che mi sono davvero stupita del rigore di formule e ragionamenti scritti da un’autrice senza competenze accademiche in materia. Deve aver studiato come una matta, cercato e approfondito ogni singola frase, un lavoro immenso che ha dato i suoi risultati. Complimenti davvero!

La cosa che ho più apprezzato, comunque, è stata la natura dei protagonisti: la Chiozza non ci ha presentato i tipici cliché da commedia romantica, sono entrambi personaggi imperfetti, spezzati, piegati dalla vita. E nel lieto fine non ha usato il classico meccanismo del “pensavate che fosse cattivo/a e invece è perfetto/a”: i protagonisti crescono con la storia ma non si redimono completamente, non si aggiustano, restano fallati e dunque reali, credibili.

Inseguiamo le stelle perché questo mondo non ci basta.

 

Concludo dicendo che La formula dell’attrazione è un romanzo che va letto, uno di quei libri dai quali non riesci a staccarti, in cui ti perdi e ti fai trascinare dalla storia.
È una chicca imperdibile nel panorama delle commedie romantiche (italiane e non).
VI PREGO, FATECI UN FILM!!

 


Questo romanzo ci è stato inviato in anteprima dall’autrice che ringraziamo!

Articolo creato 100

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto