Alessandra Cigalino – l’intervista

Il prossimo 1 giugno la casa editrice Harper Collins pubblicherà il secondo capitolo della serie Gossip Love di Alessandra Cigalino. Dopo il primo capitolo “Pagine che profumano di te” è la volta di “Vuoi vedere che ti amo?“. I due romanzi possono essere letti separatamente perché sono autoconclusivi.

Trama

Non dimenticare che l’apparenza inganna, sempre.
Grazie al suo innato talento e a una grande determinazione, Adele Lombardi è diventata una stilista d’alta moda, apprezzata in tutto il mondo e conosciuta con il nome di Akysha. La sua vita perfetta viene però improvvisamente infranta quando riceve una terribile notizia da Milano. Il ritorno nella sua città natale costringe Akysha a fermarsi e a fare i conti con la persona che è diventata, una snob egoista. È infatti così che la descrive Nathan, un uomo incontrato per caso in un bar e che piano piano riesce a sbriciolare la maschera dietro cui si cela la vera Adele. Perché l’apparenza inganna sempre e anche Nathan dietro un aspetto rude nasconde un cuore gentile… e un piccolo segreto.

_________________________________________________________________

L’intervista

Chicklit Italia: Vuoi vedere che ti amo? è il secondo romanzo della serie Gossip Love. Ti sei divertita di più a scrivere questo o Pagine che profumano di te?
Alessandra Cigalino: Mi sono divertita tantissimo a scrivere entrambi, ma, anche se Akysha, la protagonista di questo secondo volume, mi ha fatto ridere parecchio, devo dire che con la goffaggine di Candy (e la mancanza di filtro tra bocca e cervello a volte), nel primo romanzo della Serie, mi sono ritrovata a ridere durante la scrittura.

CI: Quale caratteristica di Adele Lombardi (Akysha) appartiene anche alla tua personalità e quale invece è più distante?
A.C.: Questo romanzo mi ha permesso di abbattere un pregiudizio che non credevo nemmeno di avere. Come Adele, non amavo i tatuaggi, ma, grazie a Nathan, grazie a questa storia, ho
capito il significato vero e proprio. Inoltre, mi rivedo molto in lei quando si trova a dover affrontare il dolore, rendendosi conto che la vita scorre e ci può portare via da un momento all’altro affetti cari, radici, persone amate, senza chiedere il permesso. E quando questo accade tutto il tempo che si credeva di poter avere, rimandando una telefonata al “giorno dopo”, svanisce insieme alla possibilità di poter anche solo fare il numero di telefono. In Akysha non mi ritrovo affatto, invece, quando all’inizio soprattutto si atteggia a donna di successo, snob, viziata e prepotente. Ed è proprio questo muro che Nathan cercherà di abbattere, perché lui capirà che dietro ad Akysha si nasconde – in un angolo in fondo al buio – Adele. E le farà capire che dimostrare a volte le fragilità non è sintomo di debolezza, ma anzi significa non mentire in primis a se stessi.

CI: Personaggio maschile preferito: Nathan o Marcél? Chi vorresti al tuo fianco nella realtà?
A.C.: Adoro entrambi, anche perché sia in Nathan che in Marcél vi sono caratteristiche riprese dall’uomo che mi accompagna nel mio cammino di vita da più di vent’anni: mio marito. Lui
è sempre stato il mio uomo ideale e in ogni mio personaggio maschile, anche involontariamente, si riflette qualche particolare del suo carattere, della sua personalità.
Se devo essere sincera, però, Nathan è il mio primo personaggio “particolare”, diverso dai precedenti, in quanto è tatuato, muscoloso, “esagerato” (come lo definisce Akysha). E, grazie a lui, ho potuto riflettere ancor di più il mio messaggio: “L’amore non conosce differenze.”

 

CI: Qual è la tua serie TV preferita? E il tuo film? Prendi ispirazione da questi linguaggi per i dialoghi dei tuoi romanzi?
A.C.: La mia serie TV preferita è Shadowhunters. Speravo in una nuova stagione, però, purtroppo, è stata interrotta. Il mio film preferito invece è Pretty woman: so ogni battuta a memoria!
Per i dialoghi dei miei romanzi non prendo ispirazione da film o serie TV, ma tutti i personaggi “mi parlano” direttamente nel modo che preferiscono. E devo dire che dal giorno in cui Candy ha iniziato a “parlarmi” in un modo completamente differente dai precedenti, sono stata catapultata nel mondo della Gossip Love Series con biglietto di sola andata. Ed è un mondo davvero divertente, esilarante, capace di strapparmi una risata anche in momenti davvero difficili. Ringrazierò sempre la scrittura per questo.

CI: Quali sono le autrici italiane che ami di più? E straniere? Le hai mai incontrate?
A.C.: Le autrici italiane che maggiormente adoro sono Anna Premoli e Cassandra Rocca, in quanto grazie a loro ho scoperto il mondo del “rosa”. Ma la lista è infinita!
Le autrici straniere che amo di più sono: Susan Elizabeth Philips, Sarah Morgan, Sophie Kinsella, Kristan Higgins e Jennifer Armentrout.
Non sono ancora riuscita a incontrarle, ma questo è uno dei miei tanti sogni!

CI: C’è un libro sul tuo comodino? Raccontaci cosa stai leggendo!
A.C.:  C’è sempre più di un libro sul mio comodino. In questo momento sono sommersa nella lettura di “New York, all’improvviso” di Sarah Morgan. Sono solo all’inizio, ma già mi sta
conquistando.

_________________________________________________________________

In bocca al lupo ad Alessandra!
Trovate il romanzo in versione eBook su Amazon QUI.

Ringraziamo Harper Collins e Alessandra Cigalino per la disponibilità!

Articolo creato 80

Un commento su “Alessandra Cigalino – l’intervista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto